FENDI

Storia di un marchio di successo e sinonimo di lusso.
Foto pubblicata in quanto in possesso di Licenza

Un marchio italiano le cui radici sono a Roma, fondato nel 1918 come laboratorio da Adele CasagrandeNel 1925 Adele si sposa con Edoardo Fendi e cambiano il nome dell’azienda in Fendi. Agli esordi Fendi produceva pellicce e accessori in pelle, la boutique era la meta prediletta dei turisti facoltosi. Nel 1946 la proprietà dell’azienda passò alle 5 figlie: Paola, Anna, Franca, Carla e Alda, che decisero di coinvolgere nel 1965 come Creative Director un emergente designer tedesco Karl Lagerfeld all’interno di una realtà imprenditoriale tutta al femminile.

 

Nel 1966 sarà proprio Karl a creare l’iconico logo della doppia F, diventato fondamentale nello sviluppo e nella lavorazione dei materiali pregiati: Intrecci, intarsi, rilievi e laser, sono solo alcune delle infinite lavorazioni adoperate nella riproduzione della doppia F.

Karl riuscì a modernizzare l’uso della pelliccia con colori e motivi unici. Nel 1966 Fendi presenta la prima collezione di alta moda, espandendo i propri interessi nell’area degli Stati Uniti e del Giappone. È stata la prima maison di moda a produrre delle collezioni di pellicce pret-à-porter nel 1977.

Nel 1992 la figlia di Anna Fendi, Silvia Venturini Fendi, entra in azienda e diventa responsabile degli accessori. Si deve proprio a lei la creazione nel 1997 della borsa Fendi: Baguette. Modello iconico che batte ogni record di vendita, borsa dalla forma rettangolare, con manico corto studiato per essere indossato a spalla e una fibbia bold con la doppia F. Nel 2008 debutta anche la borsa Peekaboo. Questa borsa esprime l’essenza dello spirito Fendi, in un equilibrio perfetto di tradizione artigianale, sperimentazione e creatività. 

Altre creazioni nate dalla visione di Silvia Venturini Fendi sono le borse Spy, B Fendi e Silvana.

Per oltre 70 anni l’azienda è stata di proprietà della famiglia Fendi, nel 2001 l’azienda entra nell’orbita di LVMH, polo del lusso francese.

 

Ripercorriamo le due sfilate memorabili Fendi sotto la guida di Karl Lagerfald: 

•Nel 2007 viene presentata la collezione autunno inverno 07/08 con una passerella lunga 88 metri allestita lungo la Grande Muraglia cinese, una delle sette meraviglie del mondo.

•Nel 2013 quando è stato lanciato il progetto Fendi for Fountains, finanziando la restaurazione della Fontana di Trevi. Nel 2016 il marchio Fendi ha festeggiato i suoi novant’anni con una sfilata nella fontana di Trevi, a Roma, unitamente alla mostra Fendi Roma – The Artisans of Dreams al Palazzo della Civiltà Italiana all’Eur, detto anche Colosseo quadrato.

 

La morte di Karl Lagerfeld nel febbraio 2019 ha segnato la fine di una storia incantevole e indelebile tra lo stilista e la maison durata più di 50 anni. Nello stesso anno Fendi ha fatto sfilare sulla passerella milanese l’ultima collezione disegnata da Karl, caratterizzata da capi sartoriali con spalle a pagoda, indossati stretti in vita da fluttuanti cinture a fiocco, i colletti a punta delle camicie con alta abbottonatura, tute in tulle monogrammato e capispalla in pelle tagliata al laser. Spiccano i bottoni cabochon con il logo corsivo FF “Karligraphy”, disegnato da Lagerfeld nel 1981. Tutti i capi perfettamente abbinati agli accessori: borsa Baguette in vernice goffrata e Metal Frame Tote in pelle di vitello lucida o con strisce, la Pequin in montone pieghevole, e infine la Peekaboo che riprende le tecniche di intaglio dell’intera collezione.

Da settembre 2020 la collezione donna viene affidata a Kim Jones, già stilista per la collezione uomo di Dior e a Silvia Venturini Fendi viene affidata la collezione uomo Fendi.

In questi ultimi due anni nelle sfilate donna e uomo era come se aleggiasse ancora l’indimenticabile stile e presenza di Lagerfald, molti dettagli e capi rimandavano al periodo in cui la direzione artistica era sotto la sua guida. 

Chissà se anche Kim Jones e Silvia Venturini Fendi riusciranno a farci sognare con creazioni che possano segnare un nuovo inedito periodo storico per l’azienda romana. Non ci resta che attendere le prossime sfilate.

 

 

Silvia Solazzo

Autrice dell'articolo su Fendi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto!